“Metamorphosis”: le modelle ci sono, ma non si vedono

Senza alcun utilizzo di Photoshop, i bodypainters Leonie Gené Joerg Duesterwald hanno lavorato in simbiosi insieme ai fotografi Laila PregizerUwe Schmida per dar vita al progetto “Metamorphosis“: modelle nude, dipinte, che si inseriscono in maniera incredibilmente naturale con il paesaggio immortalato. Le pose dei corpi riprendono le forme di alberi, rocce e acqua, e sono talmente ben dipinti che a volta è veramente difficile – se non impossibile – scoprire dove sono.

http://www.verschwundenekoerper.de/

Annunci

Informazioni su Fools Journal

Magazine di cultura, letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità. Email: foolsjournal@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in arte, fotografia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Metamorphosis”: le modelle ci sono, ma non si vedono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...