Gli occhi umani mai così da vicino

Avete mai visto un occhio umano talmente da vicino da riuscire a coglierne tutti i dettagli? Pensavate di sì, prima di vedere gli scatti del fotografo armeno Suren Manveylan: una serie di impressionanti ritratti alle iridi, realizzati in macro, che ne mettono in evidenza forme, texture e colori che l’occhio umano da solo non è capace di cogliere. Il progetto si intitola “Your Beautiful Eyes” e, a prima vista, sembra che l’artista abbia sovrapposto alla normale conformazione degli occhi delle immagini di paesaggi, crateri e tessuti di vario tipo. Invece è tutto reale e il risultato, oltre ad essere sorprendente, fa anche un po’ impressione.

eyes1 eyes2 eyes3 eyes4 eyes5 eyes6 eyes7 eyes8 eyes9 eyes10Per altri scatti cliccate sul sito del fotografo: http://www.surenmanvelyan.com/

Annunci

Informazioni su Fools Journal

Magazine di cultura, letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità. Email: foolsjournal@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in fotografia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Gli occhi umani mai così da vicino

  1. Lea ha detto:

    belle e impressionanti insieme!

  2. sarasouthpaw ha detto:

    Reblogged this on Maladjusted and commented:
    la prima cosa che osservo e ricordo in una persona sono gli occhi..il colore, le ciglia il taglio….amo queste foto, quindi…

  3. scassandralverde ha detto:

    Madò … sembrano delle nebulose, delle caverne … e l’ultimo sembra un ciambellone.
    Sono sempre mangereccia.

  4. laura ha detto:

    Un’idea straordinaria e un risultato stupefacente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...