“Pilgrimage”: il diario intimo di Annie Leibovitz

La camera da letto di Virginia Woolf - Charleston, Inghilterra

Tutto parte dal 2005, il suo anno orribile. Annie Leibovitz era già una delle fotografe più famose della storia, i suoi ritratti di personaggi famosi per le riviste patinate erano venduti come oro e il suo obiettivo era il più ambito e desiderato. Poi, tutto insieme, la morte di suo padre, della sua compagna di sempre, Susan Sontag, grande intellettuale, e infine i debiti, tantissimi debiti, da saldare. In pratica, il baratro. Allora lei decide di mettersi in viaggio, di fuggire da tutto e tutti ma soprattutto da se stessa, per poi ritrovarsi. E lo fa partendo dalle cascate del Niagara, con le sue due figlie gemelle, per poi riversarsi nelle strade americane ed europee che diventano scenario del suo diario interiore, di quella ricerca delle bellezza che comprendeva la visita delle case dei suoi “miti”: da Emily Dickinson a Martha Graham, dal divano di Freud alla dimora di Elvis, da Darwin a Virginia Woolf. Doveva chiamarsi Beauty Book, il libro della bellezza, ma per lei si è trattato di un pellegrinaggio, del diario della sua redenzione, l’intimo racconto fotografico di una donna che, dopo averne passate tante, vuole tornare a “ciò che conta davvero”. Allora ecco Pilgrimage, pubblicato in Italia da De Agostini (248 pagine, 100 fotografie, 50 euro), che è appena diventato una mostra a Washington, presso lo Smithsonian American Art Museum, fino al prossimo 20 maggio, che racchiude settanta di queste fotografie, scattate tra il 2009 e il 2011, per una versione più intima e riflessiva della grande icona americana.

Il divanetto di Siegmund Freud - Londra, Inghilterra

Martha Graham Center of Contemporary Dance - New York, USA

Harley Davidson di Elvis Presley - Graceland, Memphis, USA

Pilgrimage - Cascate del Niagara, USA

L'unico vestito ancora esistente di Emily Dickinson - Amherst, USA

La camera oscura di Ansel Adams - Carmel, California, USA

Serie di negativi di Abraham Lincoln by Anthony Berger – Washington, USA

Una porta nel patio della casa di Georgia O'Keefe - New Mexico, USA

Annunci

Informazioni su Fools Journal

Magazine di cultura, letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità. Email: foolsjournal@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in arte, eventi, fotografia, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Pilgrimage”: il diario intimo di Annie Leibovitz

  1. Pingback: Ritrarre l’assenza « Un'altra Donna

  2. Pingback: Caetano Veloso e Patti Smith | add editore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...